Investire in monete d'oro_quotazioni, prezzi e storia

INVESTIMENTO – Questa parola viene usata praticamente sempre da chiunque commenta o consiglia le monete d’oro per mettere da parte risparmi. Noi non crediamo che sia il termine corretto e proviamo a spiegare le differenze.

Per noi che siamo in questo campo da oltre 60 anni c'è un distinguo molto importante: si “ investe “ in immobili, si tesaurizza in monete d’oro e si specula in borsa.

Avrete notato che abbiamo scritto “monete d’oro” e non oro per un motivo molto importante; la moneta d’oro è la vera tesaurizzazione e non il lingotto. Gli storici fanno risalire verso il 650 avanti Cristo, nell’arcipelago greco, culla della civiltà,  l’inizio del passaggio dalle barre di metallo e lingotti a dischi di metallo con sopra un disegno riconoscibile ed accettato: “ la moneta”. Il vantaggio oltre che nella forma e dimensione più maneggevole era l’esser riconosciuta ed accettata molto più facilmente del lingotto. Di tempo ne è passato, sono cambiati i modi di coniare, le incisioni, l’avvento della carta moneta, della plastica e la  moneta elettronica. L’esempio lampante della vecchia legge economica che la  moneta cattiva scaccia la moneta buona.

Noi quindi suggeriamo sempre la moneta in oro, niente argento, niente lingotti e tanto meno niente titoli in oro; riflettete… comprare titoli in oro invece che il metallo fisico e lasciarli in deposito è come prendere in sposa la donna della vostra vita ma non portarvela a casa e lasciarla a casa dei suoi genitori perché li è più sicura! Se non siete in grado di badare ai vostri risparmi meglio non fare acquisti.

Le monete in oro..ok  ma quali? Senza indugi vi segnaliamo le classiche monete che da anni sono garanzia di facile commercio in qualunque parte del mondo: la sterlina oro, il marengo, il Cile 100 pesos ( cileno ), il Krugerrand, il Messico 50 pesos ( messicano ) e, quando il prezzo non è troppo alto il 20 dollari americano. Esistono contenitori per poterle riporre in cassetta di sicurezza che occupano poco spazio e tutelano la moneta da cadute o fregamenti l’una contro l’altra.

Oltre le monete su menzionate ne esistono molte altre con modesto plusvalore, che oltre a ripagare gli occhi e il tatto seguono il prezzo del mercato, potendo fare così una piccola raccolta tipologica facilmente rivendibile.

Per concludere ci permettiamo alcuni suggerimenti, restando a Vostra disposizione per qualunque chiarimento, inerente l'acquisto e la vendita di monete oro, potrete contattarci tramite email.

L’acquisto di monete d’oro va fatto in negozi specializzati di comprovata fiducia ed esperienza, fare se possibile piccoli acquisti/vendite per poter fare delle medie che alla lunga sono le più remunerative, comprare prevalentemente monete conosciute e commerciali;  evitare coniazioni contemporanee, commemorative, in argento e in platino; controllare che la moneta sia in buone condizioni, con garanzia e ricevuta; non acquistare monete di conservazione esasperata come il fior di conio fondo a specchio, il SPL/q.FDC va benissimo; non far cadere e non pulire le monete.

 

Dal 1955 operiamo a Genova centro in Via San Lorenzo 109r, in numismatica e cambio valute.

Eseguiamo gratuitamente  stime e perizie di monete, medaglie e cartamoneta.

Perito numismatico del Tribunale di Genova e della Camera di Commercio.

Numismatica Genova

Potete trovarci ai seguenti contatti via telefono, +39 010 2468314

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

www.frisione.it

Come collezionare

Tutti noi in questo mondo abbiamo una occupazione principale e una o più, se si è fortunati, come riposo ed hobby; la numismatica è una di quelle occupazioni che può dare le maggiori soddisfazioni. Essa ci apre allo studio della, geografia, politica, economia, dei rapporti civili, sociali; è un monumento vivo e parlante nelle nostre mani.

Monete Oro

La collezione va distinta dalla raccolta; il raccogliere monete sia per tesaurizzazione (vedi monete oro) sia monete del mondo di vari metalli, è ben diverso da collezionare in modo ordinato e limitato. Neanche un Re come il nostro Vittorio Emanuele III, esimio collezionista e autore del "copus nummorum italicorum" potè fare una raccolta completa delle monete italiane. Occorre quindi scegliere un determinato settore e periodo, catalogare con bigliettino descrittivo le monete e farsi un mancolista delle mancanti. Stabilito questo bisogna sapersi muovere nelle conservazioni, troppo bassa sarà sempre un brufolino nell'occhio ogni volta che la guarderete e troppo bella sarà una spina nel vostro portafoglio; la conservazione medio/alta è il giusto compromesso, dove un pezzo di conservazione eccezionale non farà diventare tutto brutto e dove una moneta di grande rarità ma di mediocre bellezza non sfigurerà. Molta attenzione va riposta su dove comprare e vendere; oltre a numismatici di provata esperienza e competenza, si sono aggiunti negli ultimi anni soggetti che poco hanno a che fare con le monete; evitare sia chi è poco tempo che tratta monete sia internet. La moneta va studiata, toccata e contrattata di persona.